Milano propone Amore e Psiche

Il ministero per le attività culturali con ENI cultura, da diversi anni in collaborazione con il Comune di Milano organizza degli opening di Palazzo Marino in cui vengono esposte in modo temporaneo delle opere restaurate recentemente o dei prestiti particolarmente interessanti. Quest’anno è la volta di Amore e Psiche, soggetto tratto dalla celebre favola di Apuleio e molto celebrato nel corso della storia dell’arte.
I due autori selezionati sono Francois Gérard e Antonio Canova, due opere prestate direttamente dal Louvre di Parigi.
Dopo una coda sostenibile (l’ingresso è gratuito, infrasettimanale in pausa pranzo) si attende ancora in ingresso di entrare col proprio gruppo.
I più fortunati trovano qualcuno che si domanda perché fare una coda per una sola statua (!), mentre insultano il proprio stato (sport preferito dagli italiani) e sorpassano in coda.
Devo inchinarmi all’organizzazione del progetto: foglio informativo e cartoline con immagini free all’ingresso, un catalogo dal prezzo contenuto descrive oltre all’operazione anche la storia del soggetto, una rassegna di immagini in video dell’iconografia dei due amanti nella storia dell’arte per spezzare l’attesa, una visita guidata offerta ad illustrare sia il quadro di Gérard che la scultura di Canova.
La sala è stata anche allestita con delle proiezioni video di tipo naturalistico che riportano a un giardino neoclassico molto raffinato.
Quindi, inchiniamoci a questa esposizione sapientemente curata e gestita dal Comune di Milano, armatevi di sciarpa, guanti, scarpe e calze calde e andate subito in coda per poi godere di questa prelibatezza appartenente alle creazioni figlie dei fasti della nostra patria così controversa e contraddittoria e gelosamente custodite dai cugini di Francia.

20121218-230343.jpg

20121218-230401.jpg

20121218-230408.jpg

20121218-230415.jpg

1 Comment

  • Rispondi dicembre 19, 2012

    Bricolage

    Credo di averla vista, tempo fa, in una esposizione dedicata a Canova, a Villa Borghese, a Roma
    Apprezzai molto di piu’ Bernini, periodo e stile diverso, ma di gran lunga impattante.
    C’è da dire che molto fa lo spazio scelto per l’occasione e il suo allestimento.

    Staremo a vedere, attendo foto!

Leave a Reply

Rispondi